Mordadella Rolls, perche’ no!

Quando uno e’ un po’ squilibrato come me, succede anche che si inventa di fare il sushi con la mortadella. Per essere precisi non si tratta proprio di sushi ma di URAMAKI, ovvero i rolls con il riso fuori, quelli che io preferisco anche nella variante piu’ classica.

I rolls sono buonissimi perche’ prima arriva il gusto particolare del riso e dell’aceto di riso e poi quello dell’alga, che in questo modo risulta essere meno predominante e infine ecco il gusto del ripieno.

Per me gli uramaki migliori sono i California Rolls, con avocado ( che da qualche anno e’ finito nella “top five” dei miei ingredienti preferiti), polpa di granchio ( ovviamente meglio se polpa di granchio vera e non surrogati di vario tipo) e cetriolo. Ancora meglio se in versione “Rainbow Rolls”: stesso condimento interno, ma con fettine di pesce crudo misto e avocado appoggiati sulla parte esterna.

Quello che ho provato a fare io e’ un piatto un po’ poco Giapponese, e un po’ molto diciamo “fusion”.

Il risultato, a detta degli assaggiatori ufficiali intervenuti a giudicare, non e’ proprio niente male, quindi se volete provare anche voi, ecco come fare!

mortadella sushi copy

Preparate il riso Giapponese cuocendolo al vapore o come vi ho spiegato qui in occasione di una preparazione da accompagnare al del riso THAI.

poi durante la cottura del riso preparate il SUSHI-SU che e’ il condimento da aggiungere al riso per ottenere il gusto e la consistenza del riso giusto per sushi e rolls di vario genere.

Mescolate 500 gr di aceto di riso, 300 gr di zucchero e 100 gr si sale. Aromatizzate anche con del succo di limone in base al vostro gusto. Queste dosi sono state gentilmente condivise dallo chef del ristorante Shinto di Roma.

Con questo condimento, che potete tenere in frigo per un paio di mesi, potete condire circa 3 kg di riso.

Mescolate il sushisu al riso quando il riso e’ ancora caldo e aspettate che il riso arrivi circa a 20 gradi per servirlo.

Pare che in Giappone la temperatura di servizio del riso sia anche piu’ alta, ma i 20 gradi sono uno standard corretto per degustare questo piatto.

Per il condimento interno togliete la parte verde della zucchina con un pela patate e poi sempre con il pela patate affettate la parte bianca della zucchina in modo che le striscoline siano molto sottili.

Tagliate a fettine molto sottili anche della mortadella e mettete da parte.

Lavorate con il cucchiaio del formaggio spalmabile a temperatura ambiente, salate e pepate e mantecatelo aggiungendo un filo di olio extravergine di oliva.

Mescolate il formaggio alla mortadella.

Ora prendete le alghe NORI iniziate la preparazione: disponete un alga sul tappetino di legno ( che avrete rivestito con la carta pellicola per evitare che il riso si attacchi), stendete del riso ( circa 80/100 grammi) sui due terzi della superficie dell’alga lasciando libera una striscia di circa 3 cm.

Rovesciate adesso l’alga in modo che il riso sia a contatto con il tappetino di legno.

Ponete al centro delle fettine di zucchina e il composto di mortadella e formaggio.

Arrotolate l’alga stringendo con il tappetino.

Una volta ottenuto un cilindro ben stretto e sigillato, tagliate con il coltello e servite subito.

Se dovete preparare dei rolls da mangiare in un secondo momento ( cosa che comunque compromette la fragranza dell’alga e del riso) evitate di tagliare i rolls fino a quando non sara’ il momento di mangiarli.

Che siano un po’ bizzarri come questi che ho preparato io, o piu’ classici, gli uramaki o gli hosomaki ( quelli con l’alga all’esterno) sono molto gustosi e versatili, in grado di soddisfare ampiamente i gusti di chi non disdegna la cucina asiatica o i piatti che da essa prendono spunto. In tutti i casi cercate di utlizzare sempre ingredienti di buona qualita’, scegliete il riso giapponese vero, le alghe fragranti e croccanti e se usate il pesce crudo, ovviamente scegliete un pesce di qualita’ accertandovi che sia stato sottoposto alle giuste procedure di conservazione per il consumo da crudo.

Annunci

Wanna go to japan?

Ho sempre desiderato fare un bel viaggio in Giappone.

Ovviamente vorrei mangiare del vero sushi,

Passeggiare tra i ciliegi in fiore,

Visitare Tokio da cima a fondo con tutte le sue luci e le sue eccentricita’,


Purtroppo le vicende degli ultimi mesi hanno mi hanno fatto capire che questo desiderio per il momento e’ meglio che resti accantonato da una parte.

E cosi’ come me, altre svariate migliaia di persone hanno momentaneamente messo questo sogno in “stand by”.

Il Governo del Giappone, sta soffrendo molto questo abbandono a livello turistico e cosi’ sembra che stia pensando di mettere a disposizione 10.000 biglietti aerei per chi abbia ancora voglia di fare un viaggio nell’arcipelago asiatico e sia disponibile a portare avanti un vero e proprio BLOG di viaggio per tutta la durata del soggiorno.

Le vicende tragiche che hanno colpito il paese hanno infatti fatto registrare un grosso calo di visitatori e l’Agenzia per il Turismo del Giappone ha cosi’ pensato di stuzzicare la voglia di 10.000 viaggiatori pronti a partire a partire da Aprile del 2012.

I biglietti dovrebbero essere messi a disposizione tramite internet e poi verranno selezionate le candidature che meglio sapranno descrivere il desiderio di visitare questo paese.

Ora si tratta solo di capire se veramente questa operazione sara’ portata avanti. Dopo l’iniziale diffondersi di questa iniziativa infatti, il sito dell’ente nazionale del turismo giapponese scrive cio’: ” Recently a number of media outlets have publicized articles about “Japan Offers 10,000 free flights to foreigners”, however it is subject to government budgetary approval, and no details have been decided yet. Therefore no related information is included in our website”

mmmmhhh

direi che l’unica cosa da fare e’ attendere gli eventuali sviluppi e vedere se questa possibilita’ si concretizzera’ davvero.

Io intanto la mia paginetta PRO Giappone per promuovere la mia candidatura la inizio a scrivere…