Pappardelle al ragu’ bianco

Qualche giorno fa ho scritto un post sulla carne di coniglio facendo presente che avrei aggiunto qualche altra ricetta sempre a base di coniglio.

Quando  l’ho disossato  infatti ho utilizzato tutta la carne per cucinare 4 piatti  e il secondo che voglio proporvi e’ questo:

Pappardelle al ragu’ bianco

Ecco gli ingredienti per 4 persone:

2 cosciotti di coniglio disossati e fatti a piccolissimi pezzi con il coltello

2 carote

1 cipolla

3 gambi di sedano

olio

rosmarino

vino bianco secco

sale e pepe

100 gr di acqua fredda

100 gr farina di semola

100 gr di farina 00

Per iniziare io e STELLA abbiamo preparato la pasta cosi:

Non ho proprio potuto resistere alla tentazione di farla “pasticciare”un po’ e ho anche scoperto che e’ un’ ottima aiutante!

Abbiamo messo la farina al centro del piano di lavoro poi ci abbiamo aggiunto l’acqua , il sale e mezzo cucchiaio di olio.

Abbiamo impastato e poi abbiamo avvolto la pasta nella pellicola e l’abbiamo messa a riposare in frigorifero.

Nel frattempo ho preparato il ragu’

ho iniziato facendo un po’ di brodo vegetale ( cipolla, sedano e carota) poi ho soffritto la carota, il sedano e il rosmarino tritato molto finemente.

Ho aggiunto la carne tagliata al coltello e l’ho fatta rosolare a fuoco vivo per poi sfumarla con il vino.

A questo punto ho fatto proseguire la cottura aggiungendo di tanto in tanto un po’ di brodo.

Quando ho ritirato la pasta dal frigo l’ho stesa con la macchina per la pasta e poi ho arrotolato le striscie di pasta da entrabi i lati per poter ricavare le pappardelle tagliandole con il coltello.

La cottura della pasta e’ velocissima ed e’ molto utile mettere un cucchiaio di olio anche nell’acqua della pasta per evitare che si attacchi.

Una volta scotata la pasta va fatta saltare in padella con il sugo al coniglio e poi va servita spolverizzata di Parmigiano Reggiano appena grattuggiato.

A few days ago I wrote a post pointing out that I would have added some other rabbit recipes.

When I boned it , in fact,  I  cooked 4 dishes with his meat and now I want to describe you this :

Pappardelle with white ragu’.

Here are the ingredients for 4 persons:2  boned rabbit’s legs torned to small pieces with a knife2 carrots

1 onion

3 stalks of celery

oil

rosemary

dry white wine

Salt and pepper

100 grams of cold water

100 g semolina flour

100 g flour 00

As first thing I have prepared the dough.

I just could not resist the temptation to let Stella “mess around” a bit and I also discovered that she is a very good helper !We put the flour in the center of the work area then we have added water, salt and half a tablespoon of oil.We mixed everything and then we wrapped the dough in plastic wrap and we put it to rest in the refrigerator.

Meanwhile, I prepared the sauce

I started doing a little vegetable stock (onion, celery and carrot) then I stir fried the carrot, celery and finely chopped rosemary in a pan with some olive oil.

I added the meat cut with a knife and I made everything ​​fry over high heat, then  I sprinkled with the wine.

At this point I continued cooking adding a little stock from time to time.

When I removed the dough from the fridge, I stretched it out with the pasta machine and then I rolled the strips of dough on both sides to then cut the pasta with a knife in order to obtain the Pappardelle.

The cooking time of this pasta  is fast and it is very useful to put a tablespoon of oil into the water for the pasta to prevent it from sticking.

Once the pasta is done stir fry it in a pan with the sauce and then sprinkled with freshly grated Parmesan Cheese.

Annunci

Saccottini di coniglio al Bacon e Toma piemontese con marinatura al Grand Marnier

Ieri ho disossato il mio primo coniglio.

Ebbene si, c’e’ chi cerca su you tube spunti per imparare a truccarsi o per copiare le acconciature delle star, chi guarda video musicali e trailer di film e chi cerca di imparare a disossare polli conigli e galletti come la sottoscritta.

Se non so matti…

Bene eccomi quindi alle prese con coltellaccio, povera bestiola e I PAD

Che l’IPAD mi sarebbe servito anche a questo proprio non lo avrei mai detto!

Dopo circa 20 minuti di lavoro ecco che padroneggio la procedura!

ah ah ah, pare vero…

il risultato, anche se e’ la prima volta, non e’ poi cosi’ male e per omaggiare il sacrificio della bestiola applico la teoria del ” non si butta via nulla” e preparo:

saccottini di coniglio al bacon e Toma piemontese

Mi sono inventata questa ricetta per sperimentare la possibilita’ di poter gustare la carne del coniglio senza dover armeggiare con ossicini vari e devo dire che il risultato mi ha proprio soddisfatto! Volete sapere come si fa?

Io faccio cosi:

preparo le due fette da farcire con la parte centrale del coniglio ( credo che si tratti della Sella ) poi dispongo sopra ad ognuna uno strato di bacon affettato sottile e uno di  fettine di Toma Piemontese, poi cospargo del rosmarino e del timo tritato

A questo punto arrotolo la carne creando dei saccottini.

in una pirofila metto a marinare i saccottini con succo di arancia, scorza e due cucchiai di Grand Marnier. Poi aggiungo sale, pepe e olio d’oliva.

dopo circa 2 ore di marinatura scaldo dell’olio in una padella e ci faccio rosolare i saccottini, verso la fine della cottura ( qualche minuto) verso anche il sughetto creatosi con la marinatura !

preparare questo piatto e’ molto semplice ed e’ una proposta interessante per abbinare il gusto delicato del coniglio a sapori piu’ intensi come quelli del formaggio e del bacon. Inoltre il gusto dell’arancia ci sia abbina bene, da quell’accento di acidita’ che ci sta proprio bene!

Visto che di questo congiglio non si doveva proprio buttare via nulla ( o quasi ) devo farvi vedere un paio di altri piattini!

Pappardelle al ragu’ di coniglio e un curry verde sono in arrivo!

 

Yesterday I boned my first rabbit.
Yes, in fact there are people who search on you tube  for ideas for learning how to wear makeup or to copy celebrity hairstyles, people who watch movie trailers, music videos and those  who seek to learn how to bone chickens, rabbits and cockerels for an example!

You know, crazy people are always around!

Well here I am struggling with a knife, and the poor animal  and my I PAD

the IPAD that I would never thought would need to do this

After about 20 minutes of work I am already  mastering the procedure!

MAYBE
ha ha ha

After some more time, the result, since it’s the first time, is not quite as bad  and to honor the sacrifice of the little animal I have to apply the theory of “do not throw anything away” and prepare as first thing:

Rabbit Saccottini  with bacon and Toma Piedmontese in a Grand Marier Marinade

I have invented this recipe to test the chance of filling up the rabbit felsh and eat it easily without having to fiddle with the various bones and I must say that the result was very good! Want to know how it works?
I do this:

I prepare two pieces of meat with the central part of the rabbit (I think it’s called SELLA) then on top of each, I  layer  thinly sliced ​​bacon and one slice of Toma Piemontese, after I then sprinkle the chopped rosemary and thyme.

At this point I create the Saccottini rolling up the meat.

I put all the Saccottini in a baking pan to let them marinate with fresh orange juice, orange zest and two table spoons of Grand Marnier.

Then  I add salt, pepper and olive oil.

After about 2 hours marinating I pick up the meat and heat oil in a frying pan Then I make them brown and  towards the end of cooking time (just a few minutes) I also add to the pan the marinade sauce!

To prepare this dish, is very simple and it is an interesting proposal to match the delicate flavor of the rabbit with the more intense favors of the cheese and bacon.

Moreover the addition of the orange is the right acid hint that make the tasting almost complete!
As said, this dish was done with just a part of the rabbit, more recepies are coming up though…
Pappardelle with rabbit ragu’
and rabbit green curry are being reported soon!