Cookies in a jar. Una bonta’ intraducibile in Italiano.

Tra le tante cose di importazione Statunitense che ad un certo punto arrivano anche qui da noi troviamo i “COOKIES in a JAR”. In un bel barattolo, possibilmente un Mason Jar, di vetro strati e strati di ingredienti necessari alla preparzione di buonissimi biscottoni, da preparare in casa aggiungendo solo gli ingredienti freschi mancanti.

14600893_1207266176012994_8333007569006092915_n Nella foto vedete un preparato per biscottoni proposto sotto forma di bomboniera alternativa per un Battesimo di un futuro piccolo goloso!

La ricette che si possono utilizzare per realizzare un barattolo regalo tipo questo sono veramente tantissime. Si puo’ spaziare dal salato al dolce e non solo.

I vasi in vetro di questo tipo posso essere utilizzati per realizzare fantastici KIT ( mi entusiasmo veramente con poco) con tutto il necessario anche per preparazioni di bellezza, kit per amanti del the’, kit per chi ama cucire etc.etc.

Mentre la lingua inglese ci viene incontro permettendoci di chiamare questa idea ” cookies in a jar” oppure ” whatewer in a Jar”, come spesso accade in italiano si perde questa immediatezza e per tradurre questa trovata dobbiamo iniziare a girare attorno alla questione… “biscotti nel barattolo” orribile, “preparato per biscotti nl barattolo ” ” vaso di biscotti da preparare” tremendo….

Lo non sono riuscita a trovare un modo GIUSTO di tradurre questa cosa…pero’ mi piace parecchio lo stesso e mi cimetero’ con altre preparazioni. Pazienza quindi per quanto riguarda la terminologia, almeno sono sicura che i biscotti, quelli si che sono GIUSTI !

14519916_1207265946013017_1731644499102207039_nper la preparazione dei biscottoni con cioccolata:

farina 240 g

bicarbinato di sodio 2 g

sale 2 gzucchero di canna 140 g

zucchero semolato 100 g

cioccolato in gocce o a scaglie 70/80 g

2 uova

200 g di burro a temperatura ambiente

estratto di vaniglia

Impastate tutti gli ingredienti nella planetaria, poi mettete l’impasto ottenuto a riposare per almeno un’ora nel frigorifero.

Accendete il forno a 170 gradi, una volta caldo disponete su una teglia foderata con carta forno l’impasto creando dei mucchietti con un cucchiaino da the’.

Mettete l’impasto sulla teglia lasciando un po’ di spazio tra un biscotto e l’altro.

Cuocete per circa 11/13 minuti e sfornate i biscotti quando al tatto saranno ancora mollicci. Una volta raffreddati diventeranno croccanti!

 

 

 

 

 

Annunci

Dolcetto al cioccolato con cremoso alle castagne e meringa e…buon inizio a tutti!

ad8ed1fc91379dfe8a50c75fc15a3580

Gennaio e’ tempo di buoni propositi, liste di obiettivi da raggiungere e diete disintossicanti, quindi io, nel mio tipico stile schizzofrenico ho deciso di alternare giorni stoici a base di succhi freschi di frutta e verdura (moooolta verdura) a momenti ipercalorici e attacchi irrefrenabili di fame e abbuffate di dolci.

Oggi e’ iniziato male. Sono, panico per le troppe cose da fare, e grossa crisi da calo di zuccheri. Ho deciso quindi di scrivere una ricetta di quelle TOP GOLOSE da tenere da parte per i moemnti di emergenza, per esorcizzare questo momento, e sopratutto per  fare altro ed evitare di andare a comprare 4 cornetti con la crema da mangiare ADESSO in rapida successione.

Poi sicuramente ci ritroveremo a discutere di cibi sani e leggeri, buoni popositi, e altre serieta’, ma non oggi. L’inizio dell’anno e’ gia’ abbastanza faticoso e mi mette piuttosto sotto pressione. Da una parte l’aspetto psicologico altamente provato dalle aspettative che mi autoimpongo ogni primo Gennaio poi a livello piu’ terra terra la fatica fisica nel rimettere la sveglia sempre alla stessa ora vista la riapertura delle scuole.

Quando mi sono diplomata, mi e’ sembrata una liberazione meravigliosa non dover alzarmi piu’ sempre alla stessa ora, poi all’universita’ il primo anno avevo i corsi dalle 14:00 in poi…una meraviglia. Al lavoro ho sempre avuto orari sballati, magari anche super alzatacce, ma solo per periodi circoscritti. Da quando sono alle prese con la campanella della “prima elementare” mi si e’ risvegliato il trauma infantile che avevo seppellito ed e’ tremendo. Inutile dirvi che siamo quasi sempre in ritardo…

Dolcetto al cioccolato con cremoso di castagne, cacao e rhum e meringa

cacao e castagnePer la preparazione del dolcetto

Ingredienti:

160 g di farina 00

16 g di baking powder ( possibilmente non usate il lievito gia’ mescolato con la vanillina)

200 g di zucchero

2 uova

150 g di latte

125 g di burro + 50 g di cioccolato fondente sciolto con il burro

50 g di cacao

1 pizzico di sale

Per la preparazione del dolcetto iniziate montando le uova con lo zucchero. Quando saranno spumose aggiungete il burro e il cioccolato. Continuate a mescolare con la frusta elettrica.

Aggiungete adesso il latte e poi mescolate con un cucchiaio.

Mescolate la farina con il lievito , il sale e il cacao. Setacciate tutto e aggiungete al composto quuesto mix mescolando con un cucchiaio o con una spatola.

Distribuite il composto negli stampi per muffin e cuocete a 180 gradi ( in forno caldo) per 20 minuti.

Per la preparazione del cremoso alle castagne

Ingredienti:

castagne 400 g

latte 1/2 bicchiere

zucchero 60 g

caca0 30 g

rhum 1/2 bicchierino

panna 250 ml

mascarpone 250 g

 

Lessate le castagne nel latte con lo zucchero poi aggiungete il rhum.

Frullate le castagne nel mixer aggiungendo anche il cacao.

Montate la panna e poi mescolate con il mascarpone.

Aggiungete il composto di castagne ( raffreddato)

Utilizzate un sac a poche o una spatola per decorare i dolcetti al cioccolato con il cremoso e poi decorate con una croccante meringa.

 

 

Barattolone meringato con sorpresa

Avete presente Scandal? Quella serie fichissima prodotta da ABC che trasmettono su fox life?

scandal-abc

Beh sentite qui.

 

Qualche giorno fa, mentre ero a Los Angeles, ho preparato un trifle con la merigna da portare a casa di amici ammericani della mia famiglia ammericana.

barattolone

Ho preparato al volo 4 strati di golosa crema, meringa panna e frutti di bosco freschi grossi come palline da ping pong.

Uno di quei dolci che solitamente incontra i gusti di tutti, fresco ma super goloso da un cucchiaio tira l’altro.

Quello che mai avrei immaginato pero’ e’ che ada assaggiare questo dolce sarebbe stato anche lui Charlie “faccia da matto” nientepopodimenoche: il serial killer spietato e goloso ( anche nella serie lo vediamo sempre intento a mangiarsi qualche dolce/zozzata ammericana) direttamente da Scandal AKA la mia serie preferita in assoluto!

george

Io ADORO questo SHOW!!! Lo vedo dalla prima puntata, adoro la storia, i personaggi, gli incastri. Adoro i dialoghi serratissimi e il fatto che a volte e‘ tutto cosi’ intricate e complicato che mi devo vedere lo stesso episodio due volte di seguito per capirci qualcosa. Quello che odio nella maniera pu’ assoluta pero’ e’ il bivacco temporale infinito a cui sono sottoposta tra una stagione e l’altra. Mesi e mesi di stop in attesa che girino la serie successive e in attesa che qui in Italia di decidano a tradurla e a mandarla in onda. Mesi e mesi di agonia sapendo che in America e’ gia’ in onda, passati a evitare spoiler provenienti da twitter , instagram etc etc.

Certo basterebbe scaricare le puntate in versione originale.

Basterebbe.

Se solo fossi capace…

Sono due anni quindi che ogni volta che ho la possibilita’ di andare a Los Angeles devo assolutamente trovare il modo di guardarmi le nuove puntate che stanno mandando in onda per colmare queste attese infinite. Netflix e Hulu sono utili strumenti di recupero e se ti vedi3 o 4 puntate a notte c’e’ la possibilita’ che in una settimana riesca anche a recuperare tutta la stagione.

Ma quest’anno no, quest’anno non c’e’ stato verso di recuperare un bel niente. Episodi disponibili dal quinto in poi e basta….. amarezza e rassegnazione ed e’ finita li’.

Tutto questo preambolo per raccontare che inaspettatamente a casa di questi gentilissimi amici ad un certo punto si presenta lui a riaccompagnare a casa loro figlio, amico del figlio di lui e blab la bla.

Della serie che tu stai tranquillamente e chiaccherando e ti dicono: “non potete andare via adesso, dai che passa George cosi’ lo salutate. Lo conosci Scandal?”

Io “ Scandalllll????? OF COURSE! I LOVE IT!!!”

640px-The_Scream

A quell punto “ faccia da matta Veronica” ha messo su lo sguardo della serie:” finalmente dopo anni che vengo qui becco qualcuno di famoso”

Pero’ capiamoci. Non sono una di quelle groupie psicopatiche a caccia di autografi etc etc. Cosi’ giusto per spirito di partecipazione ho solo semplicemente pensato. “ti pare che in tutti questi anni non ho mai beccato qualcuno di famoso ( a parte la volta che ho incontrato il dottor Romano di ER al parcheggio del Target e quella volt ache ho beccato Hurley a fare colazione) e invece Vale mi chiama e mi dice che ha parcheggiato vicino a Sean Penn, portato I ragazzi dal pediatra con Michelle Pfifer, fatto la spesa con vattelappesca…

Tutto questo per dire che io questa foto proprio non la volevo fare.

E si vede

E’ la foto piu; brutta della storia delle foto (dopo quella del passaporto)

E’ orrida.

Ma ve la mostro ugualmente.

IMG_0584 ge

cea9a9b58b6a04300b14775521be4e5a

E a lui, beh, il dolce e’ piaciuto parecchio.

Peccato che sono dovuta ripartire il giorno dopo. Gia’ mi vedevo sul set di Scandal a occuparmi del catering e a friggere bombe alla crema..

Pero’ ha anche cercato di rendersi utile e darmi indicazioni su come hackerare netflix perche’ io potessi vedermi gli episodi dall”Italia

Forte, simpatico, e visto dal vivo direi anche…

… PER NULLA PSICOPATICO.

MA LA VERA NOTIZIA E’ CHE SCANDAL RINCOMINCIA

YES

DAL 30 GENNAIO!

CAN’T WAIT! O COME DIREBBE STELLA ;” NON HO L’ORA DI RIVEDERLO!!!”

Ora pero’ come faccio a farlo sapere a George?

8155ce71eafc7842bd31d143c56fc4f0

Ricetta per un barattolone di dolce multistrato per 20 persone

 

Per le meringhe

224 g zucchero semolato

224 g zucchero a velo

224 g di albumi

 

per la crema

500 g latte intero

4 tuorli

40 g di farina

1 stecca di vaniglia

90 g di zucchero semolato

1 lt di panna da montare

 

frutti di bosco

 

Procedimento

Per la meringa:

separare i tuorli dagli albumi e iniziare a montare gli albumi. Aggiungere a poco a poco lo zucchero semolato fino a quando il composto non sara’ compleatamente montato. Aggiungere mescolando con cautela anche lo zucchero a velo.

A questo punto formare le meringhe su delle teglie piatte ricoperte con la cartada forno.

Realizzare 4 dischi della stessa misura e poi delle meringhe piu’ piccole.

Cuocere in forno a 90/100 gradi per 2 ore e poi spegnere il forno e lasciare le meringhe all’interno fino al giorno dopo. SENZA APRIRE MAI IL FORNO.

 

Per la crema:

prelevare i semini della vaniglia con un coltello e metterli da parte. Mettere in infusione in frigorifero, la stecca di vaniglia nel latte e coprire con la carta pellicola.fare questa operazione possibilmente la sera prima.

 

Mescolare bene i tuorli con la meta’ dello zucchero e aggiungere i semini della vaniglia.

Mescolare bene anche la farina

 

Mettere a bollire il latte con la meta’ dello zucchero e quando bolle versarne una parte sulla crema dopo aver rimosso la stecca della vaniglia.

Mescolare bene e rimettere tutto a bollire sul fuoco per circa 5 minuti. Far raffreddare la crema velocemente steendendola all’interno di una pirofila bassa e coprirla con la pellicola a contatto.

Montare la panna e una volt ache la crema si sara’ raffreddata amalgamare meta’ della panna alla crema.

Comporre il dolce parttendo dal disco di meringa, aggiungendo poi la crema, i frutti di bosco e la panna. Guarnire con le meringhe piccole e conservare in friglo.

Le meringhe tendono ad ammorbidirsi a contatto con la crema, quindi componete il dolce poco prima di mangiarlo.

Buon assaggio e FELICE 2015 a tutti, io intanto vado un attimo a mettermi a dieta!

1bf6dd726726652772a138af96bc60ca

Bocconcini di brownie alle noci tra crema al pistacchio e chantilly alla vaniglia anche se il #foodselfie e’ ancora tutto da capire.

Oggi la piccola e’ a casa con me, 2 linee di febbre sospetta e allora niente centro estivo = niente giornata libera per lavorare.

Approfitto di un pisolino fortemente suggerito per scrivere una ricettina fatta da poco qui sul blog. Di ricette negli ultimi mese ne ho sperimentate parecchie, ho preparato diversi buffet per vari tipi di eventi e avrei voluto documentare molto meglio i piatti che mi sono venuti bene, ma come al solito poi, presa dalla frenesia del momento troppo spesso mi dimentico anche di fare una semplice foto. Il fatto che il mio Iphone sia spaccato dalla parte della fotocamera non aiuta anche se qualche giorno fa ho avuto un’illumincazione: posso usare la fotocamera sul davanti! Da allora ogni piatto diventa un “selfie”. Si perche’ se usare il telefono per scattare un selfie con faccia da fessa e’ piuttosto facile, utilizzarlo nella stessa modalita’ per ottenere un bello scatto di un piatto e’ tutt’altra storia!

Il telefono scivola nel piatto 9 volte su 10, con una mano sola non si puo’ tenere il telefono e spingere il bottone per scattare e poi la tremarella e’ in agguato. Risultato: piuttosto orribile, ma per questa volta ci accontantiamo!

Bocconcini di brownie alle noci tra crema al pistacchio e chantilly alla vaniglia

bicchierini

per il brownie

350 g di cioccolato fondente

250 g di burro

200 g di noci

250 g di zucchero di canna

3 uova

85 g di farina 00

1 cucchiaino di baking powder

fate sciogliere il cioccolato insieme al burro, nel frattempo montate le uova con lo zucchero, aggiungete la farina setacciata con il lievito e mescolate. Adesso aggiungete anche la cioccolata e le noci. Mescolate e spargete il composto in modo uniforme su una teglia o in uno stampo. Cuocete in forno a 170 gradi per 30 minuti circa, verificando la cottura. L’interno del dolce deve rimanere piuttosto umido.

per la chantilly alla vaniglia

500 gr di latte

1 cucchiaino di estratto puro di vaniglia

1 uovo

1 tuorlo

130 g di zucchero

40 g di farina 00

250 g di panna fresca

Mettete la vaniglia nel latte e portatelo a bollore con meta’ dello zucchero. In una ciotola amalgamate bene le uova all’altra meta’ dello zucchero, poi aggiungete la farina. Quando il latte bolle versatelo sulle uova e mescolate bene. Rimettete sul fuoco e fate cuocere. La crema dovra’ bollire per circa 5 minuti.

Montate la panna e quando la crema sara’ fredda amalgamatela delicatamente.

 

 

per la crema al pistacchio

500 g di latte

4 tuorli

130 g di zucchero

60 g di amido di mais

70 g di pasta di pistacchi

Portate il latte a bollore con meta’ dello zucchero. In una ciotola amalgamate bene le uova all’altra meta’ dello zucchero, poi aggiungete la farina. Quando il latte bolle versatelo sulle uova e mescolate bene. Rimettete sul foco e fate cuocere. La crema dovra’ bollire per circa 5 minuti. Amalgamate la pasta di pistacchi alla crema.

Prendete dei bicchierini o delle coppette e componete i dolcetti mettendo qualche cubetto di brownie e alternando le due creme, guarnite con mandorle a lamelle.

Torta Pan di Stelle di nome ma non di fatto, in una giornata dedicata alla dolcezza.

Quali sono i vostri biscotti preferiti?

Si, parlo dei biscotti quelli da colazione, quelli che si inzuppano/pucciano la mattina nel latte o nel te! Secondo delle mie personalissime ricerche Pan di Stelle e Gocciole sono quasi sempre nella top five degli indici di gradimento.

Anche a pe piacciono, tanto che evito di comprarli per non finire a mangiarli la sera dopo cena sul divano davanti alla tv.

Alla prima occasione che ho avuto per sperimentare una nuova torta di compleanno, ho sfogato quindi l’astinenza da Pan di Stelle e ho provato a comporre un dolce che me ne ricordasse il sapore e l’aspetto.

Si, perche’ occuparsi di cucina a domicilio e’ fichissimo, ma quando sono a casa nella mia cucina a sperimentare per me o per qualcuno che conosco mi diverto davvero!

torta pan di stelle 4 copy

per questa torta ho realizzato una base al cioccolato, una crema alla panna e goccie di cioccolato, delle meringhe che ho spezzettato nella crema e ho usato per decorare e una decorazione a base di isomalto ( sempre per continuare a divertirmi un po’).

In rete ci sono vari spunti di ricette dedicate ai Pan di Stelle, come la torta Pan di Stelle; questa li utilizza solo come ispirazione, ma sono sicura che piacerebbe tanto a tutti gli amanti di questi biscotti!

torta pan di stelle 2 copy

Ecco la ricetta:

Ingredienti

per la base

330 gr di farina 00

60 gr di cacao amaro

440 gr di zucchero semolato

4 uova

340 gr di latte

250 gr di burro fuso

1 bustina di lievito

per la crema

500 gr di latte

130 gr di zucchero

40 gr di farina

1 tuorlo e 1 uovo intero

250 gr di panna

per le meringhe

75 gr di albume

75 gr di zucchero semolato

75 gr di zucchero a velo

-panna per guarnire la torta circa 125 gr

-70 gr di goccie di cioccolato

Procedimento

Preparate le meringhe iniziando a sbattere gli albumi sa soli, poi aggiungete lo zucchero semolato un po’ alla volta. Con le uova dovete iniziare con la velocita’ bassa e poi aumentarla un poco alla volta.

Una volta che sara’ montato il composto aggiungete lo zucchero a velo piano piano, mescolando dal basso verso l’alto per non smontare il tutto.

create delle meringhe con la sac a poche e infornate per  45 min a 130 gradi e poi per 15 min a 150 gradi.

Ora iniziate a preparare la torta: lavorate le uova con lo zucchero, poi aggiungete il burro fuso , la farina ( che avrete mescolato e setacciato con il cacao e il lievito)  e il latte e mescolate molto bene.

Infornate a 180 gradi per 30/40 minuti in una tortiera dai bordi alti di 30 cm di diametro.

Per la crema mescolate a mano le uova con parte dello zucchero. Nel frattempo mettete a bollire il latte con il restante zucchero.

Mescolate alle uova anche la farina.

Una volta che il latte sara’ arrivato a bollore versatene una parte sulle uova. Mescolate bene e poi rimettete tutto sul fuoco per circa 5 min.

Tenete il fuoco medio basso e fate attenzione che la crema non si attacchi alla pentola.

Una volta che la torta sara’ raffreddata, tagliatela in 3 strati e farcitela con la crema alla quale avrete incorporato la panna lucida.

Su ogni starto di crema sparpagliate delle gocce di cioccolato fondente e delle meringhette a pezzetti.

Ricoprite tutta la torta con un sottile strato di panna, spolveratela con del cacao amaro, adagiatevi sopra le meringhette e poi decoratela con l’isomalto a vostro piacere.

Tutta la bonta’ e la dolcezza di questa torta oggi li DEVO assolutamente dedicare al “piccolino” che alle 3 e 10 di questa notte e’ nato rendendo genitori stafelici e straorgogliosi i miei amici e che da qualche ora ci fa traboccare il cuore di emozione. Benvenuto piccolo, tante torte e dolcetti anche per te appena ti potrai sedere con noi al tavolo dei mangioni!

Scones di julia Child con una crema morbida alla ricotta e fiori d’arancio

Mancano pochi giorni a Natale. Si proprio pochi, esattamente &8 giorni e 14 ore.

Questo mi fa riflettere sul fatto che il prossimo week end potrebbe essere quello giusto per iniziare ad addobbare casa. Qui da noi il Natale infatti,  inizia presto e finisce tardi. Ieri io e la piccola in macchina gia’ ci stavamo ascoltando una fantastica compilation di brani Natalizi, perche’ a noi piace cosi’, siamo delle vere psicopatiche delle festivita’!

La mia fantastica renna luminosa ( che quando l’accendo anche l’ACEA subisce un calo energetico) e’ rimasta tutto l’anno accomodata in salotto e con lei anche il mio bellissimo adesivo “let it snow” sulla finestra!

Proprio perche’ manca cosi’ poco, trovo scandaloso che io debba ancora postare una delle ricette che invece avevo preparato per la scorsa Pasqua. Diciamo che c’ho una gran confusione di cose arretrate da fare e oggi penso che mettero’ ordine scrivendo finalmente questa ricettina pronta ormai da qualche mese.

Con l’idea di voler fare un dolce che si ispirasse alla Pastiera Napoletana, ho realizzato degli scones aromatizzati ai fiori d’arancio con una crema morbida a base di ricotta.

scone copy

Gli scones infatti sono friabili e saporiti e mi ricordavano un po’ la sensazione della frolla morbida e fragrante che si sbriciola in bocca.

Ecco la ricetta di Julia Child che trovo deliziosa.

Per gli scones:

3 tazze di farina

1/3 di tazza di zucchero

2 cucchiaini e 1/2 di lievito

1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio

3/4 di cucchiaino di sale

130 gr di burro tagliato a cubetti

1 tazza di latticello ( in assenza usate 1 tazza di panna fresca)

1 cucchiaio di scorza grattugiata di un’arancia

un po’ di burro sciolto per spennellare la superficie degli scones

1/4 di tazza di zucchero per spolverare gli scones prima di infornarli

Per la crema alla ricotta:

400 g di ricotta
100 gr di panna
130 g zucchero
50 gr uvetta
aroma di fiori d’arancio

30 gr di marsala

procedimento:

scaldate il forno a  200 gradi

in una ciotola mescolate la farina con il lievito, il bicarbonato e lo zucchero. Aggiungete il burro a pezzettini e amalgamate con una forchetta. Aggiungete anche la panna o il latticello e la scorza dell’arancia.

amalgamate tutto con le mani o anche con l’impastatrice. L’impasto sara’ molto grezzo.

Stendete l’impasto su una superficie un po’ infarinata facendo in modo che l’altezza dell’impasto steso sia di 3 cm.

Usate un coppa pasta per creare dei cerchietti di circa 6 cm o realizzate dei triangoli con il coltello. Poi spennellateli con il burro sciolto e spolverizzateli con un po’ di zucchero.

Infornate per 10/12 minuti.

Ora preparate la crema:

montate la panna e tenetela da parte.

mettete l’uvetta a bagno nel marsala in una ciotolina.

Ammorbidite la ricotta lavorandola con una spatola, aggiungete lo zucchero.

Incorporate qualche goccia di aroma di fiori d’arancio, poi aggiungete l’uvetta strizzata. Alla fine, con delicatezza, incorporate anche la panna montata.

Una volta raffreddati, prima di servirli, tagliateli a meta’ e farciteli con la crema alla ricotta e fiori d’arancio.

Semifreddo baylies e mocha

Quest’estate ho “prodotto” tantissimi semifreddi. Li ho proposti spessissimo nei menu’ che ho fatto per le varie feste e cene e ne ho fatti parecchi anche per noi. Perche’ a me il semifreddo piace tantissimo e me lo magerei tutti i giorni. Li ho fatti alla frutta, alla nocciola, al cioccolato, ricotta e rum e in mille altre varianti.

Quello che vi propongo oggi mi e’ venuto in mento dopo aver dato un’occhiata alla pagina dedicata ai dolci al cucchiaio del portale Gustissimo.

Dopo aver letto varie ricette ed essermi fatta venire varie voglie ho deciso di fare questo

semifreddo al bayiles e mocha

IMG_4718 copy

igredienti:

per la meringa italiana

147 gr di albume e 60 gr di zucchero

per lo sciroppo di zucchero

235 gr di zucchero

60 di acqua

Portate lo sciroppo di zucchero alla temperatura di 110 gradi e a questo punto azionate la planetaria per far sbattere le uova e il restante zucchero.

Quando lo sciroppo sara’ arrivato a 121 gradi, versate a filo lo sciroppo sugli albumi nella planetaria senza smettere di montarli.

Fate montare le uova e lo sciroppo a lungo, fino a quando il composto non si sara’ raffreddato.

Questo produrra’ un totale di  450 gr di meringa italiana che sara’ la base del vostro semifreddo buonissimo 🙂

Prendetene 150 grammi e mescolateci 50 gr di  pasta di cacao e caffe’ ( io uso quella della Biffi che trovo molto buona), poi aggiungetevi infine 250 gr di panna lucida.

Adesso prendete altri 250 gr di meringa, aggiungetevi 500 gr di panna lucida e 60 gr di baylies.

Se volete fare il semifreddo nei bicchierini aiutatevi con un sac a poche e riempite mezzo bicchierino con il composto cioccomocha. Mettete in freezer e quando il composto si sara’ solidificato, riempite l’altra meta’ con il composto al baylies.

Togliete i bicchierini dal freezer 10/15 minuti prima di consumarli e teneteli nel frigorifero in modo che il semifreddo diventi della giusta consistenza.

Salutare l’estate con 4 nuovi gusti di gelato. Ancora Musso, ancora da Peroni.

Al rientro dalle vacanze ci siamo ritrovati ancora una volta da Peroni a Piazza dell’ Unita’ per l’appuntamento con il gelato firmato Musso.

Immagine

Annunciato a suon di tamburi tramite la pagina facebook di peroni e anche tramite la mia, l’evento e’ stato come sempre un successo.

Altre 4 ricette gustosissime e tante persone interessate a vedere la Musso Mini in azione si sono avvicendate in un caldo pomeriggio romano di Settembre.

Come sempre quindi ci tengo a pubblicare qui sul blog le ricette che ho sperimentato in diretta durante il pomeriggio. Vorrei tanto che la  Musso Mini fosse ancora qui con me per fare ancora tanto gelato insieme, ma per il momento ci hanno separato 😦

io e lei siamo fatte per stare insieme e non credo proprio che la nostra storia finira’ qui… se mi entra un lavoro grosso che spero si concretizzi al piu’ presto la compro! E’ deciso!

In questo periodo sto subendo il fascino dello yogurt bianco, sia nei suoi utilizzi in ricette salate che ovviamente in ricette dolci. Sono uscita dal “periodo baccala’”, o almeno quasi uscita e adesso sono totalmente nel trip dello yogurt. Non poteva quindi mancare:

la ricetta del gelato allo yogurt bianco con mirtilli freschi. Una vera prelibatezza!

Immagine

ingredienti:

yogurt intero ( io uso quello di Vipiteno o il Mila che trovo essere i migliori) 200 gr

latte 50 gr

panna 150 gr

zucchero 110 gr

Mescolare tutti gli ingredienti a freddo con il frullatore ad immersione e mettere nella gelatiera

alla fine della mantecatura aggiungere i mirtilli freschi a piacere

Visto il periodo e la scelta che ho sempre fatto di proporre dei gusti con frutta di stagione, non poteva mancare questa volta il sorbetto ai fichi

fichi (puliti e senza buccia) 250 gr

acqua 200 gr

zucchero 180 gr

Mescolare tutti gli ingredienti a freddo con il frullatore ad immersione e mettere nella gelatiera

sorbetto al cocomero ( per chiudere in bellezza la panoramica sui frutti estivi)

Immagine

cocomero 600 gr

zucchero 130 gr

acqua 270 gr

limoni 1

pulire il cocomero, eliminare i semi, frullarlo e passarlo al setaccio, speremere il succo del limone e aggiungerlo al cocomero. Aggiungere lo zucchero e l’acqua. Mescolare tutti gli ingredienti a freddo con il frullatore ad immersione e mettere nella gelatiera

gelato al limoncello

questo l’ho preparato alla fine, per chiudere in bellezza il pomeriggio!

panna 250 gr

latte 100 gr

zucchero 125 gr

limone 75 gr

scorza di un limone

Mescolare tutti gli ingredienti a freddo con il frullatore ad immersione e mettere nella gelatiera

Come al solito, tanta e’ stata la foga dell’assaggio che non sono riuscita neanche a scattare una foto. Le belle immagini che vedete nell’articolo non sono mie, ma rendono ugualmente bene l’idea, quindi grazie al web per il suo contributo!

Bis non ti temo! Ancora Gelato in 5 nuovi gusti.

Quando di viene richiamati sul palco per un “BIS” si puo’ solo risalire e dare al pubblico cio’ che sta chiedendo. Ecco che ieri abbiamo replicato volentierissimo il pomeriggio dedicato al Gelato da Peroni a Piazza dell’Unita’.

Non ci ha fermato il caldo afosissimo, ne il temporale delle 2:30 ne tantomento la decisione di ri-asfaltare via dei Gracchi proprio in questa giornata!

Pronti alle 16 in punto abbiamo dato il via ad un altro pomeriggio di fresco, dolce e cremoso gelato espresso grazie alla ormai Mitica MUSSO MINI!

Ecco le ricette di ieri per chi si volesse cimentare con i nuovi gusti

sorbetto al melone

melone

450 di polpa di melone

145 gr di zucchero

155 gr di acqua

Frullare la polpa del melone con il frullatore ad immersione e poi aggiungere lo zucchero e continuare a frullare. Mettere nella gelatiera e mantecare per circa 30 minuti.

sorbetto alla mela verde

5383319-folto-gruppo-di-mele-granny-smith-in-una-riga-messa-a-fuoco-selettiva

450 gr di mele verdi Granny Smith

175 gr di zucchero

125 gr di acqua

Frullare le mele senza la buccia con il frullatore ad immersione e poi aggiungere lo zucchero e continuare a frullare. Mettere nella gelatiera e mantecare per circa 30 minuti.

lavorare le mele ( ben fredde) e poi inserirle subito nel mantecatore per evitare che si ossidino.

foto-38

gelato alla crema

latte intero fresco 375 gr

panna fresca 150 gr

3 tuorli

zucchero 150 gr

la scorza di un limone

un baccello di vaniglia

Mettere la scorza del limone in infusione nel latte e rimettere nel frigorifero

Il giorno dopo sbattere 3 tuorli in un pentolino, aggiungere il latte e la panna.

Aprire il baccello di vaniglia, con un coltello rimuovere i semini e inserirli nel composto.

Mettere sul fuoco e far sobbollire

Aggiungere lo zucchero e frullare con il frullatore ad immersione, far raffreddare nel frigorifero e poi mantecare per almeno 30 minuti.

gelato alla nocciola

latte intero fresco 430 gr

panna fresca 50 gr

4 tuorli

zucchero 120 gr

pasta di nocciole 105 gr

Sbattere 3 tuorli in un pentolino, aggiungere il latte e la panna.

Aggiungere la pasta di nocciola.

Mettere sul fuoco e far sobbollire

Aggiungere lo zucchero e frullare con il frullatore ad immersione, far raffreddare nel frigorifero e poi mantecare per almeno 30 minuti.

gelato al BAYLIES

latte intero fresco 275 gr

panna fresca 150 gr

4 tuorli

zucchero 150 gr

Baylies 100 gr

Sbattere 4 tuorli in un pentolino, aggiungere il latte e la panna e il Baylies

Mettere sul fuoco e far sobbollire

Aggiungere lo zucchero e frullare con il frullatore ad immersione, far raffreddare nel frigorifero e poi mantecare per almeno 30 minuti.

 

Anche oggi abbiamo avuto un ubblico come sempre interessatissimo e super attento.

La MINI Musso, al massimo delle sue prestazioni, ha “mantecato” incessantemente per 4 ore di fila e credo proprio che abbia dato del suo meglio!

Gelato LIVE: perche’ 5 gust’ is megl’ che UAN

Come vi avevo preannunciato, il mio pomeriggio di ieri e’ stato all’insegna del gelato. Di un gelato speciale, fatto con ingredienti freschissimi, e con una super macchina mantecatrice di fattura nostrana.

1001654_545822945477787_26463883_n

Con la Musso MINI ieri, presso il negozio Peroni, ho preparato e abbiamo degustato 5 ottimi gusti di gelato e due varianti.

993297_549157735144308_1520620865_n

l_2079_ice.cream.maker.musso.1

Sono stata molto contenta di avere un pubblico cosi’ interessato e comunicativo, ci siamo scambiati idee e opinioni e c’e’ anche stato il tempo per fare un po’ di R&D.

Un pubblico cosi’ esigente e collaborativo ha quindi bisogno di “materiale” su cui applicarsi subito. Certo e’ che senza la piccola Musso non penso che potrete ottenere risultati all’altezza di quelli di ieri..comunque ecco qui come promesso le ricette che avete potuto assaggiare LIVE durante la dimostrazione:

prima di elenchi di ingredienti e dosi vi ricordo che per un ottimo risultate dovete affidarvi a delle ottime materie prime, scegliete la frutta matura al punto giusto, lavoratela dopo averla tenuta nel frigorifero per ritardare l’ossidazione e aggiungete un pizzico di sale alle ricette per aumentare il gusto

SORBETTO ALLA PESCA

375 gr di pesche

173 gr di zucchero

203 gr di acqua

Tagliate le pesche, unitele all’acqua ed emulsionate con il frullatore ad immersione, poi aggiungete lo zucchero a pioggia. Emulsionate ancora e poi mettete a mantecare per almeno 30 minuti.

SORBETTO ALL’ALBICOCCA

la ricetta del sorbetto all’albicocca la trovate nel precedente articolo che ho scritto ovvero qui

GELATO ALLA RICOTTA con variante alla cioccolata all’arancia e mandorle

300 gr di latte intero fresco

150 gr di panna fresca

300 gr di ricotta

120 gr di zucchero

lavorate la ricotta con lo zucchero poi stemperate con la panna e con il latte. Emulsionate con il frullatore ad immersione per qualche secondo e mettete a mantecare.

Durante gli ultimi 3/4 minuti potete aggiungere della cioccolata a pezzetti o della frutta secca tostata. Noi ieri abbiamo provato un abbinamento con un cioccolato fondente all’arancia candita e alle mandorle e il risultato e’ stato molto interessante.

GELATO PANNA E FRAGOLE

113 gr di latte fresco intero

90 gr di panna fresca

350 gr di fragole

150 gr di zucchero

nel bicchiere del frullatore ad immersione lavorate le fragole con lo zucchero e il latte. Infine unite la panna e mettete nel mantecatore.

SORBETTO AL LIMONE

180 gr succo di limone ( utilizzate dei bei limoni saporiti come quelli di Sorrento)

180 gr di zucchero

390 gr di acqua

Emulsionate gli ingredienti con il frullatore ad immersione e poi mettete nel mantecatore.

I tempi per la mantecatura ovviamente variano in base alla macchina per il gelato utilizzata, alla dose da preparare e ai gusti personali.

Di certo con la Macchina MUSSO Mini non avete difficolta’ a lavorare il gelato anche se diventa piu’ consistente. La sua pala in acciaio lavorera’ senza problemi il composto fino a raggiungimento del risultato da voi desiderato.

Comunque dimenticatevi i colori brillanti e chimici dei gelati commerciali e iniziate ad assaporare il gusto vero della frutta, del latte e della panna, poi mi direte cosa ve ne pare!