RISOTTO ROCK. Dietro le quinte.

Quando mi e’ venuto in mente di partecipare al concorso HIT WEEK lo sapevo che sarebbe finità cosi’….Le intenzioni iniziali erano ottime! Avrei preparato un video professionalissimo, dopotutto ne ho visti talmente tanti che ormai fanno parte del mio DNA.Si perche’ io e mio papa’ troppi ne abbiamo passati di pomeriggi a guardare e commentare Gambero Rosso Channel! Poi ho passato un paio di giorno nel panico da      “oddio e io cosa preparo????”

“deve essere qualcosa di orginale, ma anche di classico”

“Faccio un dolce..No, no, gli chef non propongono mai i dolci”

….faccio un piatto orientale… no, no, se la manifestazione e’ per promuovere la cucina italiana non posso fare un piatto orientale…

“deve essere un piatto che piacchia ad un pubblico maschile”

“Allora faccio il coniglio… mi hanno detto che l’ultima moda tra gli chef e’ quella di preparare il coniglio….”

Insomma alla fine questa decisione.

Faccio il risotto, uso questi ingredienti, penso a Stefy che mi ha sempre sostenuto e da anni e’ una fedele fan della mia cucina e allora penso che forse mi porterà bene che sarà di buon auspicio e quindi dai!

Spedisco marito prole e cane al parco.

” datemi solo 35 minuti e  poi tornate…”

Monto la macchinetta fotografica sul cavalletto “oddio mi vergogno solo a pensare che ho usato una misera macchinetta fotografica per registrare il video”

ok

no

non monto la macchinetta fotografica sul cavalletto poiche’ il pezzetto di raccordo e’ rotto, o meglio appartiene ad una altro cavalletto…. allora accrocco qualcosa con lo spago da arrosto ( per rimanere in tema) e parto…

deve essere tutto buona la prima

non c’e’ tempo

 

“devo uploadare questo video domani, senno’ poi tutti partiranno e nessuno lo vedrà”

Sulle ultime battute della ricetta ci si mette anche il vicino del piano di sopra che decide di iniziare a trapanare proprio in corrispondenza della mia cucina…..

vabbe’….

mettero’ una musica di sottofondo…fortuna che il piatto e’ pronto….

la sera scarico il materiale e porvo a montarlo

computer 1: non da segni di vita

bene

computer 2: nessun software di montaggio

computer 3: vabbe’ tanto sul mac c’e’ iMOVIE

usero’ quello

ma comeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee?

non c’e’ una timeline? o qualche strumento  di editing riconoscibile??

ok

no, non c’e’

allora monto con quicktime pro

e infatti si vede

ma almento e’ pronto….

Lo mostro ai miei primi spettatori,gente seria, professionale….. ” ma che e’ sta cosa, si vede che sei terrorizzata, devi essere brillante, ridoppiamolo…. rimontiamolo”

“ma non c’e’ tempooooooo!!!!!!”

12 agosto 2011 – 1 settembre 2011

infiniti tentativi di upload del video

dal pc dell’ufficio

dal pc dell’ufficio la mattina alle 7

dal pc dell’ufficio la sera alle 9

niente

dal veneto

niente

dalla croazia

niente

da casa

niente

niente

niente

1 settemrbe upload risucito da macchina linux. MA DAI!

ALLORA L?HO FATTO PER DAVVEROOOOO”

e il resto e’ storia….

Ok, diciamo che la ricetta raccontata del video non e’ proprio comprensibilissima, e che lo chef starebbe meglio rintanato tra le confortanti 4 mura di una cucina invece che davanti all’obbiettivo, ma nonostante la ROZZA qualità del video, della luce, dell’audio e del montaggio, diciamo che questa ricetta ha un suo potenziale….

Mi e’ sembrata una buona combinazione di gusti e consistenze e quindi se volete provare ecco come si fà:

Ingredienti per 4 persone:

300 gr di riso carnaroli

1 porro

300 gr di asparagi

1/2 bicchiere di vino bianco secco

20 gr di parmigiano reggiano

1l e 1/2 di brodo vegetale

40 gr di culatello affettato molto sottile

50gr di burro

olio, sale, pepe

aceto balsamico di Modena invecchiato

Come prima cosa lavate gli aparagi ed eliminate la parte dura, poi mettete a bollire 1 litro e mezzo di acqua con mezzo cucchiaino di sale e mezzo di bicarbonato.

La verdura’ dovrà essere sbollentata solo per 4/5 minuti, e avendo aggiunto il sale e il bicarbonato rimarrà bella verde.

Scolate gli asparagi e metteteli da parte, facendo a piccoli pezzetti le parti piu’ tenere e le punte. Eliminate le part ancora troppo dure.

preparate il brodo vegetale con carota, cipolla, zucchina e patata

Affettate il porro

prendete una pentola bella grande dai bordi bassi ( usatene sempre una un po’ piu’ grande rispetto a quello che sareste propensi a scegliere di istinto)

e aggiungete un po’ di olio d’oliva. Scaldate la pentola e quando l’olio vi sembrerà bello caldo aggiungete i porri tenendo il fuoco moderato.

i porri si dovranno rosolare, ma non bruciare. dovranno rimanere belli morbidi e dorati quindi attenzion a non tenere la fiamma troppo alta.

Quando i porri vi sembreranno cotti, aggiungete gli asparagi e fate rosolare, poi unite il vino bianco.

Per fare questa operazione accertatevi che il fuoco sia abbastanza alto cosi’ che l’acol del vino possa ben evaporare.

Scegliete un buon vino ( non prendete quello nel cartone…..per favore!!!)

Ora buttate il riso e iniziate a farlo cuocere aggiungendo di tanto in tanto un mestolo di brodo vegetale che avrete tenuto caldo sul fuoco. mescolate sempre il riso in modo che non si attachi e che il brodo venga assorbito lentamente…

Accendete il forno e quando e’ calto passate per qualche minuto il culatello croccante sotto il grill,

Una volta raggiunta la cottura, spegnete il fuoco e spostate la pentola su un fornello non caldo. Aggiungete il burro e il parmigiano.

Ora impiattate il riso adagiandovi sopra il culatello croccante bello caldo e decorando con dell’aceto balsamico invecchiato.

allora…..??? come e’? come e’?

3 thoughts on “RISOTTO ROCK. Dietro le quinte.

  1. ehi ma allora non è tutto così semplice come sembra!!! ma l’importante, come diceva mina, è finire!!!
    brava anche solo per la perseveranza :-))

  2. Pingback: finger food : ovvero abbuffarsi pensando di aver quasi digiunato |

  3. Pingback: Risotto ai porri e radicchio con gamberi sfumati al Porto e mantecatura aromatizzata alla mentuccia. |

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...